Home ARTICOLI Integrazione ASTRAGALO PER IL SISTEMA IMMUNITARIO

ASTRAGALO PER IL SISTEMA IMMUNITARIO

ASTRAGALO PER IL SISTEMA IMMUNITARIO
0

Dalla Medicina Cinese un aiuto per il Sistema Immunitario.

L’astragalo è una pianta appartenente alla famiglia delle Fabaceae originaria della Cina e dell’estremo oriente. Delle oltre 200 specie di astragalo esistenti, quelle più diffuse ed utilizzate sono le varietà Astragalus membranaceus e Astragalus mongholicus. Da millenni l’astragalo è impiegato nella Medicina Tradizionale Cinese come tonico nel trattamento dei disturbi e delle malattie associate a deficit del Qi, ovvero dell’energia vitale, quali sensazione di debolezza, affaticamento, anoressia, iperidrosi, vulnerabilità alle infezioni virali e batteriche, raffreddore, influenza, così come nell’epatite, nelle malattie cardiache, nel diabete, nell’artrite reumatoide, nelle patologie infiammatorie intestinali e in alcuni tipi di tumore sia per prevenire l’immunodepressione conseguente alla chemio e radio terapia, che per aumentare le difese immunitarie del paziente in trattamento.
Dalla radice dell’astragalo vengono estratti i principi attivi, in particolare polisaccaridi, flavonoidi e saponine triterpeniche, a cui sono associate le proprietà immunostimolanti, antivirali, antinfiammatorie, antiossidanti, adattogene e cardiotoniche di questa piante.
Diversi sono gli studi clinici che si sono concentrati sull’azione immunostimolante con cui l’astragalo è in grado di rafforzare le nostre difese immunitarie e i meccanismi implicati sembrano essere un potenziamento della produzione degli anticorpi e dell’interferone, un aumento della conta e dell’attività di neutrofili, linfociti e macrofagi, un incremento del numero e dell’attività delle cellule Natural Killer e l’aumento dei globuli bianchi in caso di leucopenia.
La somministrazione per via orale o intranasale di un estratto acquoso di Astragalo (8 gr al giorno) in 1000 soggetti per 2 mesi ha ridotto l’incidenza e accelerato il decorso del raffreddore; dai risultati di questo studio è emerso un aumento significativo dei livelli di IgA e IgG nelle secrezioni nasali dei soggetti.
In un altro studio è stato riportato un incremento delle concentrazioni sieriche di IgM, IgE e AMP ciclico in persone adulte trattate con circa 15gr si estratto di radice di astragalo assunto in acqua calda per un periodo di 20 giorni.
Inoltre l’estratto di astragalo è in grado di stimolare la produzione di interferone e, in pazienti con miocardite da coxsackievirus B, se somministrato per via intramuscolare, ha portato ad un aumento delle cellule natural killer.
In uno studio del 2016, in soggetti sani dopo aver consumato un estratto di Astragalo membranaceus, la conta dei monociti, dei neutrofili e dei linfociti è aumentata in modo dose-dipendente dopo 8-12 ore dalla somministrazione dell’estratto e sono stati osservati aumenti nella concentrazione dell’interferone-γ, del TNF-α, dell’interleuchine IL-13, IL-6 e del recettore IL-2  solubile, che indica l’attivazione dei linfociti.
Più recentemente in uno studio pubblicato sulla rivista Microbiological Pathology, i ricercatori della  Jinlin Academy of Agricultural Sciences in Cina hanno concluso che l’astragulus presenta proprietà antivirali in grado di trattare la bronchite infettiva causata dal coronavirus aviario.
Alcune settimane fa, l’Università di Medicina Cinese di Pechino ha completato un’analisi di ricerche precedenti esaminando i benefici di alcune formulazioni di erbe cinesi contro il coronavirus SARS e l’influenza H1N1 (influenza suina), in cui uno degli ingredienti principali era appunto l’astragalo.
3 studi mostravano che i partecipanti che avevano assunto queste formulazioni di erbe contro la SARS, non avevano contratto l’infezione e, in altri 4 studi, la stessa cosa era stata notata per il virus H1N1.
All’inizio di febbraio, i ricercatori del Beijing Children’s Hospital hanno fornito una panoramica completa delle procedure diagnostiche e dei trattamenti raccomandati per i sintomi specifici osservati nelle attuali infezioni Covid-19 che includevano sia la medicina allopatica che la Medicina Tradizionale Cinese. Nei casi in cui vi sono segni di grave debolezza e stress a livello dei polmoni e della milza, viene prescritta una formulazione di erbe chiamata Liu Jun Zi, che contiene principalmente l’astragalo e il ginseng.
Infine, la prestigiosa rivista Science ha pubblicato una recensione della Yun-nan Academy of Agricultural Sciences in Cina che ha studiato le grandi disparità nei tassi di infezione e mortalità tra le diverse province cinesi colpite da Covid-19. Nelle province con il più basso tasso di infezione, c’è stato tra l’84% e il 98% di utilizzo delle formulazioni di erbe della Medicina Tradizionale Cinese a base di astragalo e ginseng.

 

Bibliografia:

–  Amy G. W. Gong. Evaluation of the Pharmaceutical Properties and Value of Astragali Radix.Medicines (Basel).2018 May 21;5(2)
– Denzler K. Et Al. Characterization of the physiological response following in vivo administration of Astragalus memranaceus. Evid. Based Complement. Altern. Med. 2016; 2016 :6861078