Home ARTICOLI Medicina Funzionale MEDICINA FUNZIONALE E COVID-19: NUTRACEUTICI E FITOTERAPICI ANTIVIRALI

MEDICINA FUNZIONALE E COVID-19: NUTRACEUTICI E FITOTERAPICI ANTIVIRALI

MEDICINA FUNZIONALE E COVID-19:  NUTRACEUTICI E FITOTERAPICI ANTIVIRALI
1

A cura dell’Institute for Functional Medicine,  elaborato da Massimo Spattini.

 

CONTESTO E INTRODUZIONE
Al momento, non esistono vaccini specifici o trattamenti uniformemente efficaci per COVID-19. In questo contesto di prove insufficienti, lo scopo di questo documento sarà valutare la plausibilità scientifica di promettenti approcci di prevenzione e interventi terapeutici (nutraceutici e botanici) e quindi offrire raccomandazioni cliniche.
Per quanto riguarda gli interventi, la pratica della medicina funzionale sottolinea il primato di sicurezza, validità ed efficacia. Nel nuovo contesto di COVID-19, manca la validità sotto forma di prove pubblicate. Pertanto, la “validità” si basa su inferenze dai meccanismi di azione dei singoli agenti e / o dati sugli esiti pubblicati a supporto dei loro effetti attenuanti sulla malattia da altri ceppi virali. Allo stesso modo, i dati per “l’efficacia” degli interventi mirati ai meccanismi virali di COVID-19 stanno nascendo e stanno rapidamente emergendo. In questo contesto, le seguenti raccomandazioni rappresentano l’approccio della medicina funzionale alla crisi COVID-19:

1) Aderenza a tutte le raccomandazioni sulla salute fornite da fonti ufficiali per ridurre la trasmissione virale.

2) Ottimizzare i fattori di stile di vita modificabili al fine di migliorare la funzione immunitaria complessiva.

3) Ridurre la progressione dalla infezione allo sviluppo della malattia.

4) Considerazione degli agenti terapeutici che possono:

  1. Modulare favorevolmente i meccanismi di difesa e riparazione cellulare.
  2. Modulare favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus.
  3. Promuovere l’eradicazione o l’inattivazione virale.
  4. Mitigare il danno collaterale da altri agenti terapeutici.
  5. Promuovere la risoluzione dei danni collaterali e il ripristino della funzione.
  6. Ridurre la gravità e la durata dei sintomi e delle complicanze acute.
  7. Supportare il recupero e ridurre la morbilità e le sequele a lungo termine.

 

CONTESTO E MECCANISMI D’AZIONE
Questo documento discute i meccanismi di azione di diversi agenti botanici e nutraceutici. Questi agenti possono essere considerati immunoadiuvanti, definiti come sostanze che agiscono per accelerare, prolungare o migliorare le risposte immunitarie specifiche all’antigene potenziando o modulando la risposta immunitaria.

Un coronavirus come SARS-CoV-2 può essere mortale a causa della sua capacità di stimolare una parte della risposta immunitaria innata chiamata inflammasoma, che può causare il rilascio incontrollato di citochine pro-infiammatorie, portando alla tempesta di citochine e a  gravi, a volte irreversibili, danni delll’epitelio respiratorio.  Il virus SARS-CoV-2 ha dimostrato di attivare l’inflammasoma NLRP3.  Un articolo di revisione del 2016 (intitolato “Composti naturali come regolatori della produzione di IL-beta mediata da inflammasoma NLRP3”) osserva che “resveratrolo, curcumina, EGCG [epigallocatechin gallate] e quercetina sono potenti inibitori della produzione di IL-1beta mediata da inflammasoma NLRP3, che in genere agisce su più di un elemento dei percorsi coinvolti. Tuttavia, va notato che questi polifenoli hanno un effetto biologico ancora più ampio, poiché influenzano una varietà di percorsi. ” Ad esempio, questi polifenoli riducono l’attivazione di NF-kB, cosa utile per contrastare l’iperinfiammazione di COVID-19.
Una pre-stampa rilasciata il 23 marzo 2020, ha identificato la capacità dei composti bioattivi vegetali di inibire la proteasi principale COVID-19 (M pro), che è necessaria per la replicazione virale. C’è molta eccitazione che circonda la recente identificazione di M pro, ed è attualmente un potenziale bersaglio di farmaci farmaceutici. Kaempferolo, quercetina, luteolina-7-glucoside, demetossicurcumina, naringenina, apigenina-7glucoside, oleuropeina, curcumina, catechina e epicatechina-gallate erano i composti naturali che sembravano avere il miglior potenziale per agire come COVID-19 M pro inibitori. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per dimostrare la loro efficacia, questo studio fornisce la plausibilità biologica e il supporto meccanicistico (inibizione della proteasi COVID-19) per giustificarne l’uso.
Per questi motivi, raccomandiamo i seguenti composti, a dosaggi standard, per prevenire l’attivazione dell’inflammasoma NLRP3, per ridurre l’attivazione di NF-kB e per inibire potenzialmente la replicazione di COVID-19. Non esiste letteratura per supportare un regime di agenti singoli o multipli. La nostra raccomandazione è quella di utilizzare il dosaggio più elevato e / o più agenti quando i fattori contestuali del paziente (ad es. desiderio del paziente, infiammazione preesistente, comorbilità multiple, rischio più elevato, ecc.) e / o il processo decisionale terapeutico giustificano tale uso.

 

INTERVENTI RACCOMANDATI

 

QUERCETINA
È stato dimostrato che la quercetina ha effetti antivirali contro entrambi i virus RNA (ad esempio, influenza e coronavirus) e DNA (ad esempio, l’herpesvirus). La quercetina ha un ruolo pleiotropico come antiossidante e antinfiammatorio, modulando le vie di segnalazione associate ai modulatori post-trascrizionali che influenzano la guarigione post-virale.

Dose suggerita: 1 gr al giorno opure 250-500 mg di fitosoma

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19:

  • Promuovere l’eradicazione o l’inattivazione virale: inibizione della replicazione virale.
  • Modulare favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus:

modulazione dell’attivazione dell’inflammasoma NLRP3.

  • Promuove meccanicamente la risoluzione del danno collaterale e il ripristino della funzione: modulazione della stabilizzazione dei mastociti (antifibrotico).
  • Riduzione dei sintomi

Forza delle prove:  Moderate

Rischio di danno:  Mite

 

CURCUMINA
La curcumina ha dimostrato di modulare l’inflammasoma NLRP3, e una prestampa suggerisce che la curcumina può colpire la proteasi principale COVID-19 per ridurre la replicazione virale.

Dose suggerita: 500-1.000 mg 2 volte al giorno (di curcumina potenziata per biodisponibilità)

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19:

  • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus: modulazione dell’attivazione dell’inflammasoma NLRP3.

Forza delle prove:  Condizionale

Rischio di danno:  Mite

 

EPIGALLOCATECHINA GALLATE (EGCG)
Il tè verde, oltre a modulare l’inflammasoma NLRP3 è potenzialmente efficace sulla proteasi principale COVID-19 (M pro) per ridurre la replicazione virale ,e ha anche dimostrato di prevenire l’influenza negli operatori sanitari.

Dose suggerita: 4 tazze al giorno o 225 mg al giorno

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19:

  • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus: modulazione dell’attivazione dell’inflammasoma.

Forza delle prove:  Condizionale

Rischio di danno:   Significativo (raro) – Epatotossicità

 

N-ACETYLCYSTEINE (NAC)
La n-acetilcisteina promuove la produzione di glutatione, che ha dimostrato di essere protettivo nei roditori infettati dall’influenza. In uno studio clinico controllato di sei mesi poco notato che ha arruolato 262 soggetti principalmente anziani, quelli che hanno ricevuto 600 mg di NAC due volte al giorno, rispetto a quelli che hanno ricevuto placebo, hanno avuto un numero significativamente inferiore di episodi simil-influenzali e giorni di ricovero a letto.

Dose suggerita:  600-900 mg 2 volte al giorno

Meccanismo (i) di azione contro i virus non COVID-19:

  • Modula favorevolmente i meccanismi di difesa e riparazione cellulare. Ipotetico: rigenerazione di glutatione e cisteina.
  • Dati positivi sugli esiti a supporto dei loro effetti attenuanti sulle malattie di altri ceppi virali.
  • Riduce la progressione dalla infezione alla malattia.
  • Riduce la gravità e la durata dei sintomi acuti.

Forza delle prove:   Limitato

Rischio di danno:  Mite

 

RESVERATROLO
Il resveratrolo, un polifenolo presente in natura, mostra molti effetti benefici sulla salute. È stato dimostrato che modula l’inflammasoma NLRP3. Inoltre, è stato dimostrato che il resveratrolo ha un’attività in vitro contro MERS-CoV.

Dose suggerita:  100-150 mg al giorno

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19

  • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus: modulazione dell’attivazione dell’inflammasoma NLRP3 [5]
  • Dati positivi sugli esiti a supporto degli effetti attenuanti sulle malattie di altri ceppi virali : MERS-CoV, Influenza.

Forza delle prove:  Condizionale

Rischio di danno:  Mite

 

VITAMINA D
La vitamina D attivata, 1,25 (OH) D, un ormone steroideo, è un modulatore del sistema immunitario che riduce l’espressione delle citochine infiammatorie e aumenta la funzione dei macrofagi. La vitamina D stimola anche l’espressione di potenti peptidi antimicrobici (AMP), che esistono nei neutrofili, nei monociti, nelle cellule natural killer e nelle cellule epiteliali del tratto respiratorio.  La vitamina D aumenta i peptidi anti-patogeni attraverso le defensine e ha un duplice effetto a causa della soppressione della superinfezione. Le prove suggeriscono che l’integrazione di vitamina D può prevenire le infezioni delle vie respiratorie superiori. Tuttavia, vi sono alcune controversie sul fatto che debba essere utilizzata e sul valore di laboratorio che dovrebbe essere raggiunto. La ricerca suggerisce che le preoccupazioni sulla vitamina D (aumento dell’IL-1beta nella coltura cellulare) non sono state osservate clinicamente. Le linee guida che suggeriamo è che un intervallo di laboratorio di> 50 e <80 ng / ml di siero 25-idrossi vitamina D può aiutare a mitigare la morbilità dell’infezione da COVID-19.

Dose suggerita:  5.000 UI una volta al giorno in assenza di dati sui livelli sierici

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19:

  • Modula favorevolmente i meccanismi di difesa e riparazione cellulare:
    • Attivazione dei macrofagi
    • Stimolazione dei peptidi antimicrobici
    • Modulazione delle defensine
    • Modulazione delle cellule TH17 Modulazione
    • Azione favorevole sui processi cellulari patologici indotti da virus:
    • Riduzione dell’espressione delle citochine
    • Modulazione di TGF beta
    • Dati positivi sugli esiti a supporto dei loro effetti attenuanti sulle malattie di altri ceppi virali.
    • Riduce la progressione dalla colonizzazione alla malattia.
    • Riduce la gravità e la durata dei sintomi acuti e delle complicanze.

Forza delle prove:  Limitato

Rischio di danno:  Mite

 

MELATONINA
La melatonina ha dimostrato di avere un effetto inibitorio sull’inflammasoma NLRP3. Ciò non è passato inosservato alla comunità di ricerca COVID-19, con due recenti articoli pubblicati che propongono l’uso della melatonina come agente terapeutico nel trattamento di pazienti con COVID-19.

Dose suggerita:  5-20 mg al giorno

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19.

  • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus: modulazione dell’attivazione dell’inflammasoma NLRP3.
  • Dati sugli esiti a supporto dei loro effetti attenuanti sulle malattie di altri ceppi virali

(Ricerche in corso)

Forza delle prove:  Condizionale

Rischio di danno:  Mite

 

VITAMINA A
La vitamina A  è un micronutriente che è fondamentale per mantenere la vista, promuovere la crescita e lo sviluppo e proteggere l’integrità dell’epitelio e del muco nel corpo. La vitamina A è conosciuta come vitamina anti-infiammatoria a causa del suo ruolo critico nel migliorare la funzione immunitaria. La vitamina A è coinvolta nello sviluppo del sistema immunitario e svolge ruoli regolatori nelle risposte immunitarie cellulari e nei processi immunitari umorali attraverso la modulazione delle cellule T helper, sIgA e produzione di citochine. La vitamina A ha dimostrato un effetto terapeutico nel trattamento di varie malattie infettive.

Dose suggerita:  fino a 10.000-25.000 UI / giorno

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19:

  • Modula favorevolmente i meccanismi di difesa e riparazione cellulare:
    • Modulazione delle cellule T helper
    • Modulazione delle sIgA
    • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus: modulazione della produzione di citochine

Forza delle prove:  Condizionale

Rischio di danno:  Lieve se non si supera questa dose; attenzione: gravidanza

 

SAMBUCO
Il sambuco (Sambucus nigra) è presente in molte preparazioni medicinali e ha un uso storico diffuso come erba antivirale.  In base alla ricerca sugli animali, il sambuco è probabilmente il più efficace nella prevenzione e nell’infezione precoce dei virus respiratori. Uno studio in vitro ha riportato un aumento dei livelli di TNF-alfa correlato a una preparazione commerciale specifica di sambuco, portando alcuni ad avvertire che il suo uso potrebbe innescare una “tempesta di citochine”. Tuttavia, questi dati non sono stati confermati quando lo stesso gruppo ha condotto studi simili, pubblicati nel 2002. Comunque, questi dati suggeriscono che è altamente plausibile che il consumo di prodotti di sambuco (preparati da bacche o fiori) possa contribuire a un esito avverso correlato alla sovrapproduzione di citochine o portare a una risposta avversa in una persona con infezione avanzata da COVID-19.

Dose suggerita: 500 mg al giorno (di estratto standardizzato al 17% di antocianosidi)

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19 :

  • Modula favorevolmente i meccanismi di difesa e riparazione cellulare
  • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus

Forza delle prove:  Forte

Rischio di danno: Mite; attenzione con malattia autoimmune; eventuale tossicità diparti di piante crude / non mature

 

PALMITOILETANOLAMIDE (PEA)
Il PEA è un derivato dell’acido palmitico antinfiammatorio naturale che si interfaccia con il sistema endocannabinoide. Si sono verificati risultati significativamente favorevoli in cinque dei sei studi in doppio cieco controllati con placebo che hanno esaminato malattie respiratorie acute dovute all’influenza. Il dosaggio era generalmente di 600 mg tre volte al giorno per un massimo di tre settimane. Esistono molteplici meccanismi d’azione associati alla PEA, dall’inibizione di TNF-alfa e NF-kB alla stabilizzazione dei mastociti. Nell’influenza, si ritiene che il PEA agisca attenuando la tempesta di citochine potenzialmente fatale.

Dose suggerita:  300 mg 2 volte al giorno per prevenire l’infezione, 600 mg 3 volte al giorno x due settimane per trattare l’infezione

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19:

  • Modula favorevolmente i meccanismi di difesa e riparazione cellulare
  • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus

Forza delle prove:  Condizionale (trattamento) Forte (prevenzione)

Rischio di danno:  Mite

 

VITAMINA C
La vitamina C contribuisce alla difesa immunitaria supportando varie funzioni cellulari del sistema immunitario innato e adattivo. La vitamina C si accumula nelle cellule fagocitiche, come i neutrofili, e può migliorare la chemiotassi, la fagocitosi, la generazione di specie reattive dell’ossigeno e infine l’uccisione microbica. La supplementazione con vitamina C sembra essere in grado di prevenire e curare le infezioni respiratorie e sistemiche. La vitamina C è stata utilizzata in terapia intensiva ospedaliera per il trattamento dell’infezione COVID-19.

Dose suggerita:  1-3 grammi al giorno

Meccanismo di azione contro i virus non COVID-19:

  • Modula favorevolmente i meccanismi di difesa e riparazione cellulare
  • Modula favorevolmente i processi cellulari patologici indotti da virus

Forza delle prove:  Forte

Rischio di danno:  Mite

RINGRAZIAMENTI SPECIALI A:

Joel Evans, MD (Lead) , Robert Rountree, MD , Tom Guilliams, PhD, Michael Stone, MD , Robert Luby, MD , Patrick Hanaway, MD , Kirsten Ramsdell, MS, CN, Sam Yanuck, DC, Helen Messier, MD , e Da n Lukaczer, ND,