Home ABSTRACT IL RAZIONALE DELL’USO DELLA ‘VITAMINA C’ NELLE MALATTIE VIRALI
1

IL RAZIONALE DELL’USO DELLA ‘VITAMINA C’ NELLE MALATTIE VIRALI

IL RAZIONALE DELL’USO DELLA ‘VITAMINA C’ NELLE MALATTIE VIRALI
1

Estratto da “Le proprietà antivirali della vitamina C”.
Ruben Manuel Luciano Colunga Biancatelli, Max Berrill ePaul E. Marik

 

Vi è oggi un crescente interesse per la somministrazione di vitamina C e la sua eventuale efficacia nella prevenzione e nell’eventuale cura dell’infezione da COVID-19. Premesso che ovviamente al momento non si può parlare della Vitamina C come cura, vi è, tuttavia, letteratura emergente che suggerisce che la vitamina C può svolgere un ruolo aggiuntivo nel trattamento di una varietà di infezioni virali.

Cinatl e collaboratori hanno dimostrato che il pretrattamento dei fibroblasti di prepuzio umano e delle cellule endoteliali con vitamina C prima dell’infezione da citomegalovirus (CMV) riduceva significativamente l’espressione degli antigeni virali e la carica virale cellulare. Questo risultato non è stato riprodotto quando è stata aggiunta la vitamina C dopo l’infezione da virus. Gli autori hanno concluso che questo effetto era probabilmente dovuto alle proprietà immunomodulatorie della vitamina C, piuttosto che a un effetto antivirale diretto. La vitamina C è concentrata in leucociti, linfociti e macrofagi raggiungendo alte concentrazioni in queste cellule. La vitamina C migliora la chemiotassi, migliora la capacità fagocitica dei neutrofili e l’uccisione ossidativa e supporta la proliferazione e la funzione dei linfociti.

Cai et al. Hanno dimostrato che topi stressati da restrizioni con polmonite indotta da H1N1, hanno dimostrato una riduzione dose-dipendente della mortalità con vitamina C e le sezioni polmonari istopatologiche hanno mostrato una riduzione delle lesioni nei topi trattati con vitamina C. In questo studio, la somministrazione di vitamina C ha recuperato significativamente il potenziale ridotto della membrana mitocondriale e ha abbattuto l’espressione genica delle citochine pro-infiammatorie. Oltre a dimostrare attività contro l’influenza e il virus dell’herpes, è stato riportato che la vitamina C ha attività contro un certo numero di altri virus tra cui poliovirus, encefalite equina venezuelana, virus linfotropico umano di tipo 1, virus dell’immunodeficienza umana (HIV), parvovirus e virus della rabbia tra gli altri.

Molte infezioni portano all’attivazione dei fagociti, con il rilascio di specie reattive dell’ossigeno (ROS). I ROS svolgono un ruolo nella disattivazione dei virus. Tuttavia, molti dei ROS sono dannosi per le cellule ospiti e possono essere coinvolti nella patogenesi della lesione dell’ospite indotta da virus. Il virus respiratorio sinciziale (RSV) è una delle cause più importanti delle infezioni del tratto respiratorio superiore e inferiore nei neonati e nei bambini piccoli. L’infezione da RSV delle cellule epiteliali delle vie aeree induce la produzione di ROS con l’inibizione degli enzimi antiossidanti polmonari; questo squilibrio cellulare ossidante-antiossidante svolge un ruolo importante nella tossicità polmonare dell’RSV. In un modello sperimentale, la somministrazione di antiossidanti ha ridotto significativamente l’infiammazione polmonare e la lesione polmonare.  La vitamina C è un potente antiossidante, che elimina direttamente i radicali liberi dell’ossigeno e ripristina altri antiossidanti cellulari tra cui tetraidrobiopterina e α-tocoferolo. Pertanto, la vitamina C può migliorare il danno ossidativo indotto da virus.

Il suggerimento che la vitamina C può essere utile in una serie di infezioni virali si basa su due concetti, vale a dire: 1) i pazienti con malattie infettive acute hanno bassi livelli di vitamina C circolante (probabilmente a causa del consumo metabolico);  2) la vitamina C ha proprietà immunomodulanti benefiche nei pazienti con infezioni virali, principalmente aumentando la produzione di interferoni α / β e regolando la produzione di citochine pro-infiammatorie (come discusso sopra).

 

Bibliografia:

Hemila H , Chalker E. Vitamina C per prevenire e curare il raffreddore comune . Cochrane Database Syst Rev. 2013 ; 1: CD000980 . [PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Pauling L , Rath M . Una teoria ortomolecolare della salute umana e delle malattie . J Orthomol Med. 1991 ; 6: 135 – 138 . [Google Scholar]

Oudemans-van Straaten HM, Spoelstra-de Man AM` , de Waard MC . Vitamina C rivisitata. Crit Care. 2014 ; 18: 460 . [Crossref], [PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

McNamara R, Deane AM , Anstey J , et al. Comprendere la logica dell’ascorbato parenterale (vitamina C) durante una reazione infiammatoria acuta: una prospettiva biochimica . Crit Care Resusc. 2018 ; 20: 174 – 179 . [PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Mentre LA , Freeman CY , Forrester BD , et al. Effetto in vitro dell’acido ascorbico sull’infettività di herpesvirus e paramyxovirus . J Clin Microbiol. 1986; 24: 527 – 531. [Crossref],[PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Klein M. Il meccanismo dell’azione virucida dell’acido ascorbico. Scienza. 1945 ; 101: 587 – 589 . [Crossref],[PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Cinatl J, Cinatl J , Weber B , et al. Inibizione in vitro della replicazione del citomegalovirus umano nei fibroblasti di prepuzio umano e nelle cellule endoteliali da parte dell’acido ascorbico 2-fosfato . Res. Antivirale 1995; 27: 405 – 418. [Crossref],[PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Carr AC. Vitamina C e funzione immunitaria. Nutrienti. 2017; 9: 1211. [Crossref], [Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Maggio JM, Harrison FE. Ruolo della vitamina C nella funzione dell’endotelio vascolare. Segnale redox antiossidante. 2013; 19: 2068 – 2083. [Crossref], [PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Leibovitz B, Siegel BV. Acido ascorbico e risposta immunitaria. Adv Exp Med Biol. 1981; 135: 1 – 25. [PubMed], [Web of Science ®], [Google Scholar]

Kim Y, Kim H, Bae S, et al. La vitamina C è un fattore essenziale nella risposta immunitaria antivirale attraverso la produzione di interferone alfa / beta nella fase iniziale dell’infezione da virus dell’influenza A (H3N2) . Rete immunitaria. 2013 ; 13: 70 – 74 . [Crossref], [PubMed] ,  [Google Scholar]

Cai Y, Li YF, Tang LP, et al. Un nuovo meccanismo di effetti della vitamina C sulla polmonite indotta da virus A / FM / 1/47 (H1N1) nei topi stressati da restrizioni. Biomed Res Int. 2015; 2015: 675149. [Crossref], [PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Valero N, Mosquera J, Alcocer S, et al. La melatonina, la minociclina e l’acido ascorbico riducono lo stress ossidativo e i titoli virali e aumentano il tasso di sopravvivenza nell’encefalite equina venezuelana sperimentale. Brain Res. 2015; 1622: 368 – 376. [Crossref], [PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Harakeh S. Soppressione NF-kappa B indipendente dell’espressione dell’HIV da acido ascorbico. AIDS Res Hum Retroviruses. 1997; 13: 235 – 239. [Crossref], [PubMed],[Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Harakeh S, Jariwalla RJ, Pauling L. Soppressione della replicazione del virus dell’immunodeficienza umana da parte dell’ascorbato in cellule con infezione cronica e acuta. Proc Natl Acad Sci US A. 1990; 87: 7245 – 7249. [Crossref], [PubMed], [Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Banic S. La prevenzione della rabbia dalla vitamina C. Natura. 1975; 258: 153 – 154. [Crossref], [PubMed], [Web of Science ®] ,  [Google Scholar]

Castro SM, Guerrero-Plata A, Suarez-Real G, et al. Il trattamento antiossidante migliora la malattia indotta da virus respiratorio sinciziale e l’infiammazione polmonare. Am J Respir Crit Care Med. 2006; 174: 1361 – 1369 . [Crossref], [PubMed], [Web of Science ®], [Google Scholar]

Marik PE. Vitamina C per il trattamento della sepsi: la logica scientifica. Pharmacol Therapeut. 2018 ; 189: 63 – 70 . [Crossref], [PubMed], [Web of Science ®], [Google Scholar]

  • Una revisione completa sulla base scientifica per l’uso della vitamina C nel trattamento del disturbo infettivo.